Chi Siamo

Benvenuti nel sito ufficiale del Polo Innovazione Tessile, un’associazione d’imprese, consorzi e organismi di ricerca, costituita a Biella dalla Regione Piemonte nel 2009 e gestita da Città Studi. Come si evince dalla sua stessa denominazione, il Polo è particolarmente focalizzato su uno dei settori strategici del tessuto produttivo nazionale, ovvero l’industria tessile.


Scarica la Brochure del Polo Innovazione Tessile


Sin dalla fondazione, il suo scopo consiste nel promuovere i valori della competitività e dell’innovazione cooperativa, favorendo lo scambio costante tra la domanda e l’offerta d’innovazione. Vi è una particolare vocazione in chiave territoriale che lega indissolubilmente questo Polo - la sua storia, le sue attività - all’ambito produttivo tessile, che permea tuttora l’antico distretto biellese e l’intera Regione Piemonte. Il Polo Innovazione Tessile raggruppa e serve numerosi aderenti, appartenenti a ogni elemento della filiera produttiva e manifatturiera del tessile:

  • Abbigliamento

  • Meccanotessile

  • Tessile tecnico

  • Industria della pelle

  • Industria calzaturiera

  • Automotive

  • Arredamento

  • Medicale

  • Industrie chimiche

  • Centri di ricerca correlati al settore

La tipologia prevalente è quella della piccola e media impresa, con una presenza comunque significativa di grandi brand (89 imprese, di cui 12 grandi, 21 medie e 56 piccole nel 2016).

 

 

Più nel dettaglio, il Polo conta 100 associati, suddivisi tra 89 imprese, 4 organismi di ricerca e 7 associazioni di riferimento; rappresenta ogni provincia piemontese, con una decisa polarizzazione di aderenti provenienti dal Biellese (66 aderenti) e dal Torinese (20 aderenti), quali aree storicamente più aperte a questo tipo di industria.

 

 

Il Polo punta al coinvolgimento più accurato possibile di tutti gli stakeholder del tessile, a livello locale, nazionale ed internazionale: da questo contatto continuo e dalle sinergie derivanti si sviluppano relazioni, progetti e partenariati in grado di accrescere le competenze delle singole aziende e dell’intero settore, incrementando il valore aggiunto per le imprese.

Oltre a ciò, il Polo lavora al costante approfondimento del fabbisogno aziendale, alle attività di tutoring e mentoring, al monitoraggio dell’offerta tecnologica del momento, fornendo valutazioni mirate e problem solving sui progetti degli aderenti. Svolge inoltre un ruolo strategico di approfondimento e divulgazione in merito ai bandi di finanziamento regionali, nazionali o europei, valutando la fattibilità delle idee progettuali e supportando le imprese associate nella partecipazione.

Le attività del Polo Innovazione Tessile sono gestite tramite un modello di governance che prevede un’Assemblea generale degli aderenti, nonché un Comitato di gestione che supervisiona e controlla le attività del Polo stesso. L’attività pluriennale dello staff, la progettazione di eventi quali gli Innovation Days e il supporto alle aziende coinvolte in impegnativi progetti o bandi a livello nazionale ed estero, le decine di visite in azienda, hanno contribuito a stabilire un rapporto di fiducia e dialogo reciproco con i principali stakeholder del settore tessile.

Risultati raggiunti fino ad oggi

18
PROGETTI ATTIVATI

di cui 9 già commerciali
8
MLN/EURO DI FINANZIAMENTI

già erogati alle imprese associate
12
PROGETTI PRESENTATI

per 3,5 mln/euro di finanziamento
85
IMPRESE ASSOCIATE

hanno avuto almeno 1 finanziamento
33
STUDI DI FATTIBILITA'

e 49 servizi innovativi
149
ASSOCIATI
23
TEXTILE INNOVATION DAYS
450
VISITE AZIENDALI
900
COLLABORAZIONI

tra aziende, cluster e centri di ricerca in Europa
70
EVENTI

in 4 Continenti


Polo Innovazione Tessile, al servizio della tua azienda

Associazione d’imprese, consorzi e organismi di ricerca di Biella che promuove, coopera e rende competitive le aziende aderenti,
favorendo lo scambio costante tra la domanda e l’offerta d’innovazione.

Aderisci al Polo Innovazione Tessile

Accedi al form di adesione

 

 

regione-piemonte
repubblica-italiana
europa
PROGETTO COFINANZIATO DALL’UNIONE EUROPEA, DAL MINISTERO DELL’ECONOMIA
E DELLE FINANZE E DALLA REGIONE PIEMONTE